Cibo e vino

Canederlotti e Altemasi in trattoria

27
ott, 2016

Hp

Nel cuore del centro storico di Trento, al 10 di via SS. Trinità, si trova da oltre mezzo secolo la trattoria Al Tino, una delle più rappresentative della città. A gestirla, da dieci anni, è l'oste Elio Tonetta che ha fatto della genuinità dei cibi, unita a gentilezza e cordialità, il tratto caratteristico del ristorante.
Concretezza e semplicità si ritrovano dai piatti del menù agli arredi rustici, fino al grande tino che troneggia in cantina e che simboleggia l'ottima qualità dei vini proposti. I turisti, così come i trentini, si affidano a questo locale per trovare i sapori della territorialità e non restano mai delusi. Come potrebbe verificarsi il contrario davanti a un piatto, ad esempio, di Canederlotti al Puzzone di Moena?
Potete assaggiarli in trattoria o provare a replicarli a casa con la ricetta che i gestori di Al Tino ci hanno regalato. In ogni caso, abbinateli, come suggerisce l'oste, a una bottiglia di Altemasi Trentodoc, le bollicine di montagna firmate Cavit, eccellenza da degustare anche a tutto pasto.

cuoco

Ecco la ricetta 

Canederlotti al Puzzone di Moena

 

Cibo

Ingredienti per 4 persone

Ingredienti
  • 100 g di pane
  • 1 uovo
  • Farina bianca
  • 1 verza
  • 2 cipolle
  • 2 dl di latte
  • 200 g di puzzone di Moena
  • Sale qb
  • Burro qb
  • Salvia qb
  • Trentingrana
Preparazione

Ridurre il pane a dadini, porlo in una ciotola e bagnarlo con il latte, quindi lasciarlo riposare.
Rosolare a parte le cipolle e la verza tagliata a pezzi. Mescolare molto bene per venti minuti. Aggiungere la verza tritata e il puzzone di Moena nella ciotola del pane.
Ricavare dall’impasto delle palline di circa 4 cm di diametro. In ogni pallina inserire un dadino di Puzzone.
Mettere i canederlotti in una pentola di acqua bollente salata per circa 10 minuti; quando sono pronti adagiarli in un piatto e aggiungere del Trentingrana, del burro fuso e della salvia.

Composizione del piatto

Adagiare un cucchiaio di salsa di Gewürztraminer nel piatto su un lato, tagliare il filetto a metà e poggiarlo sulla salsa; disporre le mele caramellate intorno alternandole con il foie gras e nappare con il ristretto di mele.

Articoli recenti

Sella Ronda e non solo: siete pronti per gli SkiTour più belli delle Dolomiti?
Sella Ronda e non solo: siete pronti per gli SkiTour più belli delle Dolomiti?

Se l'inverno ci piace è anche perché questa stagione vuol dire montagna, neve e… lunghe sciate! E per trascorrere una

In piazza o sulla neve: tante idee per il Capodanno in Trentino
In piazza o sulla neve: tante idee per il Capodanno in Trentino

Vi hanno già chiesto cosa farete a Capodanno? Se la domanda vi mette ansia perché, nonostante manchi una settimana, non

3 idee per il ponte dell’Immacolata in Trentino
3 idee per il ponte dell’Immacolata in Trentino

Dicembre è generoso e ci regala dei lunghi fine settimana: l’Immacolata cade di venerdì e se sei milanese, sei ancora

Disintossicarsi con la natura
Disintossicarsi con la natura

Orari da rispettare, responsabilità lavorative, lo smog della città: tutto questo ci provoca stress e un certo malessere psico-fisico. È

Negrotino: “Mangia e bevi” dal Trentino alla Puglia
Negrotino: “Mangia e bevi” dal Trentino alla Puglia

Cosa succede se chiedi a un barman pugliese di ideare un drink con un vino trentino? Succede che nasce un

Don Trentito, un argentino tra le montagne
Don Trentito, un argentino tra le montagne

Un cocktail che parla soprattutto di Trentino, ma anche un po' di Sudamerica e di Venezia. Il suo creatore è